Skip to content Skip to footer
Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

“La semplicità ingannata” | AltreScene

Di e con Marta Cuscunà

21 Gen 2023

21:00
Sala verde
Categorie Evento:
  • 60'
Prevendita 20 €
Botteghino 25 €
Botteghino studenti 15 €

Di e con Marta Cuscunà
Assistente alla regia: Marco Rogante
Disegno luci: Claudio “Poldo” Parrino
Disegno del suono: Alessandro Sdrigotti
Tecnica di palco, delle luci e del suono: Marco Rogante
Realizzazioni scenografiche: Delta Studios, Elisabetta Ferrandino
Realizzazione costumi: Antonella Guglielmi
Co-produzione: Centrale Fies, Operaestate Festival Veneto
Cura e organizzazione: Etnorama
Amministrazione: Laura Marinelli
Distribuzione: Jean-Francois Mathieu

Lo spettacolo
La Semplicità ingannata riporta alla luce la voce di un gruppo di giovani donne che, nel Cinquecento, lottarono contro le convenzioni sociali, rivendicando libertà di pensiero e di critica nei confronti della cultura maschile.
La Semplicità ingannata parla del destino collettivo di generazioni di donne e della possibilità di farsi “coro” per cambiarlo.

Nel Cinquecento avere una figlia femmina equivaleva ad una perdita economica: agli occhi dei padri era una parte del patrimonio economico della famiglia che andava in fumo al momento del matrimonio. Una figlia bella e sana era economicamente vantaggiosa perché poteva essere sposata con una dote modesta. Una figlia brutta o con qualche difetto fisico necessitava invece di una dote più salata. Per questo i padri di famiglia escogitarono una soluzione alternativa per sistemare le figlie in sovrannumero: la monacazione forzata.

Arcangela Tarabotti e le Clarisse del Santa Chiara di Udine attuarono una forma di resistenza all’utilizzo delle vocazioni religiose a fini economici davvero unica nel suo genere. Queste donne trasformarono il convento in uno spazio di contestazione, di libertà di pensiero, di dissacrazione dei dogmi religiosi e della cultura maschile con un fervore culturale impensabile per l’universo femminile dell’epoca. L’Inquisizione cercò con forza di ristabilire un ferreo controllo sulle Clarisse di Udine, ma le monache riuscirono a resistere per anni facendosi beffe del potere maschile e creando una sorprendente micro-società tutta al femminile, in un tempo in cui le donne erano escluse da ogni aspetto politico ed economico della vita.

La semplicità ingannata non è un documentario ma un progetto artistico dove il teatro è anche la possibilità di considerare il dato storico come un punto di partenza per un racconto che abbia come soggetto la società. contemporanea. Questo approccio implica l’elaborazione di una storia non da una prospettiva documentaristica ma attraverso una visione artistica e posizionata, disposta anche a varcare i confini del conosciuto, del filologico e del politicamente corretto.

Prenota Biglietto

15 €
botteghino

    Si precisa che la prenotazione non garantisce l’accesso al teatro dato che avranno precedenza i possessori di ticket già acquistati on line.
    E’ necessario presentarsi al nostro botteghino 15 minuti prima dell’orario di inizio previsto per non perdere il diritto di prenotazione. 
    IL CENTRO CULTURALE

    Piazzale Rocco Chinnici, 6
    95129 – Catania
    T. +39 095 8168912
    — dal lunedì al venerdì
    dalle 10 alle 14
    info@zoculture.it

    UFFICIO STAMPA

    GNC Press web
    www.gncpress.it
    T. +39 095 317725
    gncpress@gmail.com

    BOTTEGHINO

    Informazioni botteghino
    T.
    +39 095 8168912
    — dal lunedì al venerdì
    dalle 10 alle 13

    — biglietteria@zoculture.it

     

    RISTORANTE

    Prenotazione ristorante
    T.
    +39 3925448183

    COME ARRIVARE

    Fermata metropolitana
    — Giovanni XXIII

    Fermata autobus
    — Stazione Centrale

    Fermata treno
    — Stazione Catania Centrale

    è sostenuto da

    Network

    © ZōCulture 2022
    All Rights Reserved
    Privacy | Cookie